Recensione Amazon Echo, benvenuta Alexa

amazon echo dot alexa

AGGIORNAMENTO (6.11.2018): purtroppo i super sconti del lancio di Alexa sono terminati. Da questo momento i prezzi applicati saranno quelli di listino, li trovate comunque aggiornati all’interno dell’articolo.

Ci siamo, finalmente Alexa è arrivata anche in Italia e insieme a lei tutti i prodotti Amazon Echo.
Ovviamente noi di My Happy Place, fan sfegatati di tutta la tecnologia applicabile in casa, non potevamo non provarlo. Ecco quindi la nostra recensione su Amazon Echo, l’altoparlante che dà voce ad Alexa.

Lo abbiamo ordinato solo la scorsa settimana, e dal 30 ottobre, data di uscita ufficiale è già nelle nostre mani. Non abbiamo potuto non approfittare dei convenienti pacchetti che offre Amazon in abbinamento con molti elementi legati alla domotica. Infatti insieme ad Amazon Echo è arrivato anche Tado, il termostato intelligente da me tanto bramato.

Ma andiamo con ordine, partiamo dall’inizio.

Recensione Amazon Echo – cos’è?

Amazon Echo è un altoparlante intelligente controllato tramite comandi vocali e connesso ad Alexa Voice Service, l’intelligenza artificiale sviluppata da Amazon.
Oltre alle funzioni base, che hanno tutte le intelligenze artificiali come ad esempio Siri o Cortana, Amazon Echo tramite Alexa è in grado di espandere le sue capacità tramite le “Skills”.
Cosa sono le Skills? Nuove abilità, attivabili tramite l’app dedicata, e realizzate da numerosi partner esterni come Spotify, Trenitalia, just Eat e tanti altri. Per scaricare queste skills, per lo più gratuite, è sufficiente entrare nell’app Alexa su smartphone e installarle. Il vostro telefono le trasferirà ad Amazon Echo, e potranno così essere utilizzate.

Alexa chiedi a Giallozafferano una ricetta veloce

Alexa chiedi a Oroscopo la previsione per il Capricorno

 

La vera figata è l’integrazione di Amazon Echo con i dispositivi che rendono la casa smart. Infatti molte skills sono prodotte e messe sullo store Alexa dagli stessi produttori di accessori smartcome termostati intelligenti, lampadine, prese e interruttori intelligenti.

Che differenza c’è tra Amazon Echo e le altre app disponibili per la smart home?

Amazon Echo elimina totalmente l’utilizzo delle app e dello smartphone. Ecco la vera rivoluzione!
Ecco la differenza: per accendere la caldaia nel mio appartamento, tramite il mio nuovissimo e bellissimo termostato intelligente Tado, bisogna entrare nell’app Tado ed attivare le funzioni; con Amazon Echo mi basterà dire “Alexa, accendi il riscaldamento” e lei lo farà.
In altre parole, la gestione della smart home diventa quindi più semplice ed immediata, basta la voce per attivare tutto.

Le funzioni smart possono essere addirittura raggruppate.Con una sola frase potrei accendere il riscaldamento ed abbassare le tapparelle e magari anche accendere le luci in salotto. Dai… una figata ragazzi!

Quanto costa Amazon Echo?

Ci sono diversi modelli di Amazon Echo in vendita nello store Italiano, attualmente scontati tutti quasi del 40%:

Considerate che, grazie all’offerta lancio, i prezzi sono davvero pazzeschi! Amazon Echo Dot  a 35.99€ anziché 59.99€; Amazon Echo 59.99€ anziché 99.99€; Amazon Echo Spot 77.99€ anziché 129.99€; Amazon Echo Plus a 89.99€ anziché 149.99€;

Il vero vantaggio sono i pacchetti dedicati alla smart home. Amazon ha deciso di proporre in offerta moltissimi prodotti abbinati ad Echo. Noi abbiamo comprato Echo in abbinamento a Tado pagando €179,99 in totale invece che €230,00 solo per il kit Tado.

Quindi…

Concludiamo la nostra recensione Amazon Echo dicendo ancora una volta che è una figata pazzesca, così come tutte le intelligenze artificiali in circolazione. Ma Alexa, a differenza delle altre, si integra con quasi tutti i prodotti in commercio, un esempio eclatante? L’illuminazione di Ikea (di cui noi siamo super fan 🙂 ).

Non vi rimane altro che decidere il modello che più vi convince, trovate tutta la serie Amazon Echo pronta per l’acquisto diretto nella nostra sezione prodotti.

Recensione Amazon Echo, benvenuta Alexa ultima modifica: 2018-11-01T12:04:19+00:00 da Andrea Croci

Lascia un commento